Breve guida all'acquisto

La primavera, e non l'estate, il periodo più propizio per installare un impianto di condizionamento che controlla la temperatura e l'umidità dell'aria oltre a filtrarla e purificarla.
Si può così garantire un clima confortevole con una temperatura compresa tra i 25 e i 27C durante il giorno e i 22-23C di sera e un tasso di umidità tra il 40 e il 60 per cento.
Con l'impiego delle "pompe di calore" si può riscaldare la casa nelle stagioni fresche con consumi del 30-60 per cento inferiori rispetto alle stufe elettriche a resistenza.

Il giusto dimensionamento

Nella scelta del climatizzatore la prima cosa da considerare è la potenza del sistema, che dipende dal numero di stanze da rinfrescare; dal volume dei singoli ambienti, dalla loro superficie e forma (una stanza irregolare richiede infatti una potenza maggiore).
Importante è anche la collocazione: fattori come l'esposizione al sole, lo spessore delle pareti perimetrali, la vicinanza del locale ad ambienti esterni come cantina o garage sono infatti influenti sul rendimento dell'impianto.
Indicativamente si consiglia una potenza di 6.000-8.000 Btu/h per ambienti tra i 15 e i 20 mq di superficie, di 9.000-10.000 Btu/h per quelli tra i 20 e i 30 mq, e di 11.000-14.000 Btu/h per locali tra i 30 e i 40 mq.

L'unità di misura della potenza

Abbiamo indicato la potenza in Btu/h perchè l'unità di misura più diffusa e corrisponde alla quantita di calore che un apparecchio può assorbire in un'ora.
Alcuni produttori sui depliant indicano  la frigoria, che è la quantità di calore ceduta per diminuire la temperatura di 1C.
Sui cataloghi vengono a volte indicate anche le chilocalorie, eccovi quindi le tabelle di conversione: 1 frigoria/h uguale a 4 Btu/h e 1 chilocaloria equivale a 4Btu/h.
Rispetto alla potenza elettrica in watt (W), si considera che 1 W/h corrisponde a 3,4 Btu/h.

Sistemi a confronto

Se si desidera rinfrescare un solo ambiente, il monosplit, è composto da due moduli separati (un'unità interna, o evaporatore, e un'unità esterna, il compressore), una scelta quasi obbligata.
L'evaporatore, da installare a muro, a soffitto o magari inserito all'interno del controsoffitto, aspira l'aria dalla stanza, la deumidifica, la raffredda e la rimette in circolo; il compressore, che scarica all'esterno il calore, può essere alloggiato su un eventuale balcone o appeso al muro tramite staffe di sostegno (ma mai collocato in luogo assolato).
Le due unità sono collegate da un tubo poco ingombrante all'interno del quale corrono i collegamenti elettrici e il circuito del gas refrigerante (4 tubi sottili e flessibili: due per il raffreddamento, in rame e gomma, uno per l'impianto elettrico e uno per lo smaltimento della condensa).
Questo sistema efficace per un ambiente con una superficie fino a circa 50 mq (150 mc circa).

Multisplit

Nel caso in cui si voglia climatizzare tutta l'abitazione si può optare per un multisplit, collocando baricentralmente e all'esterno il compressore, che andrà collegato alle unità interne, installate a parete o a soffitto.
Si tratta di un sistema efficiente (non vengono lasciati varchi aperti verso l'esterno come accade per i climatizzatori portatili), silenzioso (l'unità esterna lontana dai locali), totalmente a scomparsa (a lavoro finito non rimangono a vista tubi o cavi).
In più offre la possibilità di regolare ogni elemento interno separatamente per climatizzare ogni stanza solo quando effettivamente è necessario, evitando sprechi di energia.
La maggiore spesa rispetto a uno split singolo, dovuta all'installazione, viene compensata dall'ottimo rapporto resa-costi, determinato dal fatto che una sola unità esterna gestisce più climatizzatori.

L'installazione

Il buon funzionamento del climatizzatore dipende sia dalla qualità della macchina, sia da una perfetta installazione, lavoro "a regola d'arte" che si ottiene solo rivolgendosi a un tecnico di grande serietà ed esperienza.
La messa in opera di un impianto split , di per se è piuttosto rapida (poche ore per un singolo apparecchio; 2-3 giorni per un multisplit. bene anche ricordare che affrontare i lavori d'installazione in un periodo dell'anno diverso da quello estivo aiuta a spuntare un prezzo migliore e a ottenere un servizio più accurato.

 
 
 
Powered by Onebit with Onedit
eXTReMe Tracker